COPENAGHEN, CHRISTIANIA E STREET FOOD

Christiania

Buongiorno miei cari amici,

riprende oggi il nostro racconto riguardante la favolosa esperienza a Copenaghen.

Sveglia al mattino presto; uno  sguardo alla finestra che ci rassicura molto visto che il tempo è buono e subito percorriamo le vie di una silenziosa Hallen. Ci attende il nostro trenino che ci condurrà a Norreport, e dopo essere saliti in superficie ci dirigiamo verso un delizioso ed ospitale mercatino al chiuso per fare colazione.

Notiamo subito che in questa città il primo pasto della giornata è molto simile all’ Italia; cappuccino o caffè accompagnato da una fragrante brioche; non stile anglosassone per intenderci. Terminata la colazione decidiamo di visitare un luogo molto particolare, che sicuramente riempirà una parte della nostra giornata. Un bel percorso a piedi lungo le vie del centro, e ci immergiamo all’ interno di Christiania, un quartiere assolutamente unico di Copenaghen.

Christiania

Notiamo immediatamente colori costumi e personaggi legati ad un periodo storico straordinario per il nostro mondo. In Danimarca sono nati infatti i famosi Children of Flowers, i Figli dei Fiori, il movimento con ideali di libertà e di pace, accompagnato da vestiti dai colori e disegni vivaci e stravaganti e dall’ ascolto di un buon Rock, che si è sviluppato a cavallo degli anni ’70 con l’ inizio della dolorosa guerra del Vietnam.

Christiania

Ebbene, a Christiania vivono i figli dei fiori, giovani che hanno sposato questo movimento e coloro che hanno vissuto quel periodo pronti a raccontare le loro esperienze. Il governo danese ha dato loro degli alloggi e servizi igienici, é un vero e proprio quartiere degli Hippy.

Abbiamo immortalato le loro case, i piccoli negozi e le bancarelle con cui vendono vestiti per lo più vintage. Hanno anche punti di ristoro dove mangiare e bere in compagnia ed ogni giorno tante persone vengono a Christiania per gustare una birra o mangiare un hot dog.

E’ stata comunque un’ esperienza intensa camminare e soffermarsi in questo particolare quartiere, in quanto oltre a rappresentare un importante pezzo di storia, si possono osservare, anche se in piccola parte segni di povertà e degrado, fenomeni rari in terra di Danimarca.

Christiania

Dopo aver fatto amicizia e salutato i gentilissimi Figli dei Fiori decidiamo di cenare a circa un chilometro da Christiania; nell’ ormai celeberrimo Street Food, altro fiore all’ occhielo della nostra Copenaghen. Un posto molto rustico ma disciplinato nello stesso momento; puoi assaporare cibi buonissimi di ogni tipo e provenienti da tanti Paesi, ascoltare la voce di turisti provenienti da ogni parte del mondo, un vero e proprio luogo di profonda e divertente aggregazione sociale.

Degustiamo cibi marocchini e cinesi, thailandesi e messicani; con prezzi anche abbastanza contenuti.

Il tempo vola ed il tramonto ormai è arrivato. Il freddo fa capolino ed accompagna la sera di Copenaghen; e noi, sazi e soddisfatti per aver visto una parte comunque unica della città ed aver mangiato bene; ci diriggiamo di nuovo verso Norreport che ci condurrà verso un meritato riposo nel quartiere di Hallen.

A letto presto perchè il giorno dopo ci aspetta un’ altra intensa ed indimenticabile giornata danese.

Alla prossima amici, a presto!

Commenti

  1. Pingback: Copenaghen, parchi castelli e...sirenetta – DreamLoveTravels - Travel Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *