STEVE MCCURRY, IL FOTOGRAFO CHE MI HA ISPIRATO

Molto spesso mi viene chiesto qual’è il mio fotografo preferito. Quello che ha ispirato il mio modo di vivere la fotografia e quello che stimo e ammiro di più. La mia risposta può essere sintetizzata in un nome: Steve McCurry.

Per chi non conoscesse Steve McCurry, è un fotografo statunitense che ha una visione della fotografia molto ampia. Sicuramente quella che più amo è quella del reportage e del ritratto; sa catturare attraverso lo scatto l’anima delle persone.

La sua opera di maggiore importanza fu il ritratto della ragazza Afgana, che divenne simbolo negli anni 80; oltre a tanti reportage di guerra.

Quando ho iniziato a prendere in mano la macchina fotografica, sono stata sempre curiosa di ammirare gli scatti fotografici effettuati da fotografi professionisti, come fonte di crescita e ispirazione personale.

Sicuramente Steve McCurry, in questo mi ha aiutato molto, lo trovo molto affine al mio mondo fotografico. I suoi sono scatti che mi trasmettono e mi comunicano emozioni; raccontano momenti, storie, spaccati di vita.

Attraverso le sue opere ho capito che la fotografia è un’arte unica, uno strumento capace di comunicare in un istante colori e amore,odio e sofferenza in una situazione che dura nel tempo. Trasmettendo a chi la osserva molteplici emozioni e sentimenti.

Tutto questo ha suscitato in me la curiosità e la voglia di approfondire, di iniziare ad immortalare persone, luoghi e paesi, fino a farne diventare la mia professione, il mio presente e futuro. Una parte importante della mia vita.

Appena vidi una sua mostra ne rimasi affascinata, le sue gigantografie mi hanno fatto girare il mondo in poche ore. Mi hanno fatto conoscere luoghi e posti mai visti; mi hanno aiutato ad avere una visione fotografica diversa e scoprire nuovi modi per fotografare luoghi e soggetti.

Quando poi, lo visi di persona a Milano, ne rimasi emozionata. Infatti il suo libro autografato è una reliquia intoccabile.

Se non siete a conoscenza delle sue opere e dei suoi libri, potete tranquillamente recarvi ad una sua mostra per ammirarne anche la sua capacità di comunicare ed emozionare.

“Ognuno di noi può scattare fotografie: è un piacere, un modo per esprimersi e fissare i ricordi, un modo per esplorare il mondo ed essere creativo.”

Steve McCurry

Commenti

  1. Irene

    È il mio fotografo preferito! Ogni volta che trovo una mostra in zona la visito! Pre covid sono riuscita a visitare la mostra a Monza tema lettura.. bellissima!

    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
  2. Claudia

    Ogni scatto di McCurry è intenso e indimenticabile. Non abbiamo mai visto una sua mostra ma i suoi scatti sono famosissimi…è bello prendere spunto dai grandi e cogliere la propria visione del mondo nei propri scatti! Prima o poi proveremo anche noi a scattare qualche ritratto.

    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
  3. Katrin Poe Mg

    Sicuramente uno dei fotografi più famosi, lo conosco anche io e l’ho sempre ammirato, un fotografo fuori dal comune, se capiterà in futuro una sua mostra sarebbe da visitare senza dubbio, la fotografia è una forma d’arte che sta prendendo sempre più piede anche se per fare belle foto più che una grande Reflex ci vuole una grande anima e talento per riconoscere l’attimo esatto in cui cogliere quell’attimo fuggente che rende lo scatto unico, questa è la sua forza.

    1. Autore
      del Post
    1. Autore
      del Post
  4. Maria Domenica

    Steve McCurry è sicuramente uno dei fotografi più straordinari che conosca. Ogni sua foto non è solo un’immagine su carta ma è la rappresentazione di una storia che da personale diventa di tutti, acquistando un valore universale.
    Maria Domenica

    1. Autore
      del Post
  5. Federica Manoni

    Anche io Amo molto fare foto ho visto adesso i suoi scatti su su google perché non lo conoscevo e sono rimasta a bocca aperta grazie per avermi fatto conoscere questo fotografo magnifico

    1. Autore
      del Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.